Tag Archives: area flegrea

Open Space Technology a Pietrarsa, un’occasione persa per Pozzuoli per scrivere il futuro della Campania

Share

Sabato ho partecipato all’Officina di #CampaniaInsieme, una grande occasione di incontro ed elaborazione di progetti e programmi nell’ambito di un sistema di “Open Space Technology” – ossia un insieme di tavoli tematici a libera partecipazione in cui si sono confrontati cittadini comuni, associazioni, esperti e addetti ai lavori al fine di elaborare un programma di governo per la Regione Campania che la porti fuori dal pantano in cui viviamo da alcuni anni a questa parte.

I partecipanti venivano da ogni parte della Campania e si sono iscritti sulla piattaforma on-line (officina.campaniainsieme.it) proponendo, già al momento della loro iscrizione, degli argomenti di lavoro e dei temi sui quali discutere. La stampa ne ha parlato con largo anticipo e ha diffuso questa iniziativa di grande partecipazione democratica. È vero, la Campania la si cosruisce insieme. Non potevo sottrarmi da questa opportunità unica, non potevo non aiutare a dire la mia sulla sanità e non potevo non aiutare a stendere dei punti importanti per ricostruire la sanità distrutta dal governo Caldoro. Mi son collegato dunque, mi sono iscritto ed ho chiesto di partecipare. Tanto semplice quanto efficace.

Sarebbe stata una buona occasione, per non dire ottima, di partecipazione e determinazione territoriale per l’area flegrea, soprattutto in tavoli come quelli dedicati al turismo culturale e alle eccellenze campane.

Tra le presenze puteolane vi erano il sottoscritto, che partecipava come esperto del settore sanitario, Carlo Gerundo e Federica Castaldi, invitati dal sottoscritto e che hanno contribuito come esperti ai tavoli di loro competenza.

Che peccato non aver visto politici locali (di Pozzuoli intendo), che peccato non aver incontrato rappresentanti e appartenenti al PD puteolano (al cui interno tanto ci si appassiona al ‘principio della territorialità‘), che peccato non aver intravisto nessun volto della società civile e dell’associazionismo di Pozzuoli e che peccato non aver avuto modo di incrociare qualche componente della nostra Amministrazione.

Mi sono sinceramente dispiaciuto di questo disinteresse tutto puteolano verso questa grande occasione, soprattutto alla luce delle parole spese già nell’apertura della sua campagna da Andrea Cozzolino a favore dell’area flegrea.

Va subito detto che partecipare ai lavori dell’Officina di Pietrarsa non significa dichiarare un voto ma significa semplicemente contribuire a far crescere il proprio territorio. Ancora una volta, lo ripeto, un’opportunità persa perché è stata applicata una vecchia modalità di politica che non ci farà mai andare avanti e che non mi appartiene e non mi appassiona.

In un’ottica di determinazione territoriale nell’ambito della futura Campania sarebbe stata una buona idea partecipare e portare le nostre (di noi puteolani) istanze in loco, ma evidentemente si è preferito un approccio ancor più campanilistico.

A questo punto mi domando quali siano le intenzioni del PD di Pozzuoli verso il prossimo governo regionale: ha intenzione di configurarsi come un soggetto attivo e partecipante, che rappresenti le istanze territoriali dell’Area Flegrea, o vuole restare passivo e “oggetto” di decisioni prese da altri?

Share

Primarie PD. Lavorare insieme per la Campania e per l’Area Flegrea. Perché sostengo Andrea Cozzolino.

Share

#‎CampaniaInsieme‬
Ho assistito all’apertura della campagna elettorale per le primarie del PD di Andrea Cozzolino, e sono rimasto profondamente impressionato dal suo programma per la ‪‎Campania‬, oltre che dal suo grande carisma come leader, fondamentale per gestire una Regione difficile come la nostra. La sua esperienza come europarlamentare gli fornisce una superiore competenza nel definire e sviluppare le politiche di prioritaria importanza per lo sviluppo della nostra Regione.

Smart cities e pubblica amministrazione smart sono tra i punti di forza del suo programma, punti che condivido pienamente essendo anche tra i miei obiettivi principali. I giovani sono un altro elemento centrale nel suo programma per lo sviluppo di una nuova Campania, una nuova Campania che diventa più europea e più efficiente, anche grazie a programmi come l’Erasmus+ per favorire lo sviluppo di nuove competenze e professionalità di livello europeo, quanto mai fondamentali per lo sviluppo.

Andrea Cozzolino ha parlato anche di Area Flegrea, e finalmente ho sentito parlarne in maniera fattiva, all’interno del più ampio progetto di rilancio turistico ed economico dell’intera regione.

Ora non ci sono alibi di territorialità, ora non ci si può nascondere dietro architetture politiche e quindi chi dice di amare il nostro territorio non può far finta di nulla e sostenere altre figure perché sarebbe chiaro un ben altro disegno che non avrebbe nulla a che vedere con l’amore per la nostra Città e per il nostro territorio.

Io sosterrò Andrea Cozzolino in queste primarie. Perché finalmente potremmo avere una persona alla guida della Campania che faccia gli interessi delle persone e non dei protagonisti incompetenti e inconcludenti che hanno per anni spadroneggiato nel governo della Regione.

La scelta del candidato che voterete alle primarie primarie è vostra, ma vi sprono a farla considerando l’esperienza e la competenza di Andrea Cozzolino!

andrea-cozzolino-campania-insieme

Share

I giovani di Pozzuoli e l’Europa. Il trait d’union si chiama Eurodesk

Share

Eurodesk è la struttura del programma comunitario Gioventù in Azione dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. Pozzuoli non poteva restarne fuori

Eurodesk è una rete europea che si sviluppa attraverso sportelli ed è attiva già in 30 paesi. Eurodesk opera con il supporto della Commissione Europea e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Eurodesk è nata con lo scopo di diffondere informazioni e fornire orientamento sui programmi che l’Unione Europea promuove in favore dei giovani.

Aprire uno sportello informativo Eurodesk nella propria città è una grande opportunità per gli enti pubblici e le associazioni offerta dall’UE.

Eurodesk si integra perfettamente in una visione ampia di Smart City e una sua declinazione Web e Social sono imprescindibili per una amministrazione moderna ed efficiente.

Eurodesk non esiste a Pozzuoli…

E allora spazio alla libera iniziativa. Ho presentato, a nome dell’Amministrazione, la richiesta di adesione a Bruxelles che ha accettato a stretto giro facendo partire così un progetto nuovo per Pozzuoli.

A mio avviso questa è un’iniziativa che si sposa benissimo con il polo culturale da poco aperto nella biblioteca, polo culturale che verrebbe riempito ulteriormente di contenuti e che diverrebbe un ‘polo’ d’attrazione importante per la Città.

Va anche detto che questa operazione integrata in un sito Web del Comune di Pozzuoli, nuovo, a norma e costruito secondo i parametri che le moderne amministrazioni richiedono, sarebbe d’esempio per tutta l’area flegrea.

L’Italia, e in particolare il Mezzogiorno, nel periodo 2014-2020 è chiamata ad attuare una programmazione europea più efficace e convincente affinché sfrutti le risorse finanziare messe a disposizione dall’Europa. Per far ciò ci vuole più impegno da parte di tutti a partire dagli enti pubblici (Comuni, Province e Regioni) fino al singolo cittadino.

Informazione e programmazione, ecco le parole d’ordine che devono primeggiare. Proprio in questo contesto si inserisce Eurodesk, cioé la struttura del programma “Gioventù in Azione” dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa.

Siamo dunque di fronte ad una opportunità che Pozzuoli non si può permettere di perdere. Ora i tempi sono strettissimi e l’aiuto degli ottimi dirigenti è fondamentale affinché si metta in moto la macchina amministrativa, tra poco i giovani puteolani potranno dire: “Europa ci siamo“.

 

Grazie ad Elisabetta Froncillo (da Il Mattino del 03/01/2014)

Ulteriori informazioni su Eurodesk le trovate cliccando QUI
Se volete informarvi sulle opportunità offerte dall’Europa consultate il sito Web dell’Associazione Europa2020

Share