Tag Archives: Commissione Europea

Primarie e grande campagna di comunicazione. Si inizi da subito informando a 360°

Share

Io sono per le primarie aperte, primarie che spianino la strada al futuro della Campania. Con Caldoro questa regione ha vissuto i periodi più bui della sua storia. Le primarie sono una dimostrazione chiara che il Partito Democratico e i suoi elettori sono pronti alla sfida e sono pronti ad assumersi la responsabilità di governare e di sostenere il rilancio della regione che la Commissione europea colloca all’ultimo posto nell’Unione per indice di qualità dell’azione istituzionale delle sue amministrazioni.

Il dato di fatto è che l’Europa non si fida più della Campania e il rischio concreto che blocchi o ridimensioni tutto il nostro programma di fondi strutturali 2014-2020, facendo perdere investimenti di vitale importanza per lo sviluppo, è concreto ed è una scure ce può abbattersi su di noi da un momento all’altro.

Questo è il centrodestra in Campania e noi dobbiamo e possiamo mettere in atto un processo irreversibile di rilancio. Alla base di tutto ciò ci sono le primarie del Partito Democratico. Grazie ad esse i cittadini conosceranno i programmi dei candidati, grazie ad esse saranno in grado di capire la vision di chi si propone di guidare la Campania e potranno immaginare quale futuro ci aspetta. Ma le primarie devono essere aperte, devono essere competitive non certo un esame introspettivo. Ci vuole coraggio per scegliere chi sarà alla guida del nostro futuro e io sono convinto che noi del Partito Democratico insieme a tutti gli elettori questo coraggio lo abbiamo.

Si dia dunque inizio ad una grande campagna di comunicazione e trasparenza, che i vertici del PD si prodighino per informare e per facilitare a tutti i livelli confronti, discussioni, incontri e contraddittori.
Oggi la comunicazione è tutto e se vogliamo parlare di Primarie aperte dobbiamo dare a tutti la possibilità di proporre così come dobbiamo dare a tutti ampie, anzi vaste, possibilità di informarsi al fine di decidere.
Tutti al lavoro dunque, il rilancio, la ripresa e il futuro sono davvero nelle nostre mani ora.
Share

I giovani di Pozzuoli e l’Europa. Il trait d’union si chiama Eurodesk

Share

Eurodesk è la struttura del programma comunitario Gioventù in Azione dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. Pozzuoli non poteva restarne fuori

Eurodesk è una rete europea che si sviluppa attraverso sportelli ed è attiva già in 30 paesi. Eurodesk opera con il supporto della Commissione Europea e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Eurodesk è nata con lo scopo di diffondere informazioni e fornire orientamento sui programmi che l’Unione Europea promuove in favore dei giovani.

Aprire uno sportello informativo Eurodesk nella propria città è una grande opportunità per gli enti pubblici e le associazioni offerta dall’UE.

Eurodesk si integra perfettamente in una visione ampia di Smart City e una sua declinazione Web e Social sono imprescindibili per una amministrazione moderna ed efficiente.

Eurodesk non esiste a Pozzuoli…

E allora spazio alla libera iniziativa. Ho presentato, a nome dell’Amministrazione, la richiesta di adesione a Bruxelles che ha accettato a stretto giro facendo partire così un progetto nuovo per Pozzuoli.

A mio avviso questa è un’iniziativa che si sposa benissimo con il polo culturale da poco aperto nella biblioteca, polo culturale che verrebbe riempito ulteriormente di contenuti e che diverrebbe un ‘polo’ d’attrazione importante per la Città.

Va anche detto che questa operazione integrata in un sito Web del Comune di Pozzuoli, nuovo, a norma e costruito secondo i parametri che le moderne amministrazioni richiedono, sarebbe d’esempio per tutta l’area flegrea.

L’Italia, e in particolare il Mezzogiorno, nel periodo 2014-2020 è chiamata ad attuare una programmazione europea più efficace e convincente affinché sfrutti le risorse finanziare messe a disposizione dall’Europa. Per far ciò ci vuole più impegno da parte di tutti a partire dagli enti pubblici (Comuni, Province e Regioni) fino al singolo cittadino.

Informazione e programmazione, ecco le parole d’ordine che devono primeggiare. Proprio in questo contesto si inserisce Eurodesk, cioé la struttura del programma “Gioventù in Azione” dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa.

Siamo dunque di fronte ad una opportunità che Pozzuoli non si può permettere di perdere. Ora i tempi sono strettissimi e l’aiuto degli ottimi dirigenti è fondamentale affinché si metta in moto la macchina amministrativa, tra poco i giovani puteolani potranno dire: “Europa ci siamo“.

 

Grazie ad Elisabetta Froncillo (da Il Mattino del 03/01/2014)

Ulteriori informazioni su Eurodesk le trovate cliccando QUI
Se volete informarvi sulle opportunità offerte dall’Europa consultate il sito Web dell’Associazione Europa2020

Share