Tag Archives: UE

Pozzuoli e i Fondi Europei. Nella nuova programmazione 2014-2020 le opportunità di sviluppo per il nostro territorio

Share

Nei prossimi 10 anni l’Europa ha intenzione di raggiungere obiettivi importanti per lo sviluppo dei territori. Saranno a disposizione fondi europei che saranno un’opportunità vitale, in questi tempi di crisi, per i comuni italiani.

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo

CoR Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo

Come ho già avuto modo di scrivere, nella nuova programmazione 2014-2020 ci sono ben 325 miliardi di fondi strutturali messi a disposizione dei 28 paesi dell’UE. In particolare l’Italia si ritroverà a gestire 32.2 miliardi di euro in questo settennato e a questa cifra andrà a sommarsi una quota di cofinanziamento nazionale di 24 miliardi.

Dove si colloca Pozzuoli? In quale quadro si posiziona la questione della città metropolitana? Come intercettare i fondi europei? Quali strategie e strumenti adottare nei prossimi anni? A questi ed altri interrogativi sono state dedicate due giornate di intenso lavoro. Sessioni di lavoro dunque per capire come sfruttare al meglio le risorse messe a disposizione dell’Unione. Fondi che sono stati troppo spesso spesi male o addirittura sono andati perduti per una cattiva gestione e programmazione.

Delegato dal nostro sindaco Figliolia, ho partecipato ai lavori insieme ai sindaci

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo-Ufficio-Centrale

CoR – Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo – Ufficio Centrale

Porcelli (Mugnano), Carpentieri (Melito), De Luca (Qualiano), Fiengo (Cercola), Capasso (San Sebastiano al Vesuvio), Guadagno (Volla), Zeno (Massa di Somma) ed insieme agli amministratori di Villaricca, Molino e Granata, di Agerola con Milo e Naclerio, di Poggiomarino con Troiano e l’assessore Liberti di Ercolano.

Nei due giorni trascorsi a Bruxelles al Parlamento Europeo abbiamo approfondito le nuove opportunità offerte dalle politiche comunitarie in vista della programmazione 2020. Abbiamo incontrato personaggi del calibro del capo di gabinetto del commissario agli affari regionali De Michelis. E abbiamo potuto poi anche assistere all’audizione del commissario all’ambiente Janez Potočnik.

Mario Battello, direttore del Tecla ha illustrato gli strumenti della politica di coesione mentre Ginevra del Vecchio del Comitato delle Regioni ha ribadito l’importanza dei ruolo degli enti locali e delle regioni. È stato molto chiaro che le opportunità di finanziamento che nasceranno sono identificate soprattutto nei settori di energia e ambiente.

Dai lavori è emerso un dato importante per Pozzuoli e che rende merito al sindaco Figliolia. I comuni che hanno beneficiato di Più Europa hanno una marcia in più in questo percorso che è stato tracciato con le parole “sensibilità all’Europa” e “buone pratiche”.

Ci siamo poi spostati al Comitato delle Regioni dove abbiamo incontrato il capo di gabinetto del Commissario per gli Affari Regionali De Michelis. Nel dibattito avutosi nella plenaria sono emerse le difficoltà che i comuni meridionali hanno nell’utilizzare i fondi dell’UE. Noi tutti, sindaci, amministratori e consiglieri abbiamo elencato ed analizzato problemi ed esigenze e De Michelis ha espresso la propria soddisfazione per aver incontrato dei politici meridionali disposti a voler invertire la rotta sulle politiche comunitarie.

Plenaria-Commissione-CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo

Plenaria Commissione CoR Comitato delle Regioni -Bruxelles – Parlamento Europeo

Lavori impegnativi ma allo stesso tempo entusiasmanti perché mi hanno dato la possibilità di avere una visione del futuro di Pozzuoli in particolare e della nostra Provincia in generale. Ma il lavoro non è terminato lasciando Bruxelles in quanto tutti noi ci siamo lasciato con due impegni primari:

1) di preparare un documento (una lettera aperta) firmato dai sindaci del PD, di concerto con l’ANCI, ed indirizzato al Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, con il quale chiediamo, sollecitiamo e lo invitiamo a concertare con i Comuni le azioni e gli interventi primari da porre in essere in vista della programmazione 2014 – 2020 in aderenza anche alle linee guida che la UE si è data in termini di premialità degli interventi diretti sui Comuni (semmai anche associati);

2) di chiedere che il costo del personale riferito alla figura dell’euro progettista, sia scorporata dai vincoli di bilancio ai quali siamo soggetti.

Personalmente aggiungerei anche la proposta di predisporre una sorta di protocollo d’intesa con Università, scuole di formazione e master che programmino periodi di stage presso i Comuni o presso un unico ufficio dedicato ai fondi europei (anche trans comunale, anche per spalmare il costo tra diversi fruitori).

Come detto in precedenza Pozzuoli, si trova in una posizione di vantaggio, o meglio, si può trovare in una situazione di vantaggio, lì dove, avendo beneficiato dei fondi per i progetti Più Europa, li usiamo bene e completiamo i lavori entro i tempi concordati con l’Europa. Dobbiamo quindi fare bene il Più Europa per avere un Rating migliore. L’Europa finanzia non solo buoni progetti ma, anche affidabili interlocutori.

A dispetto dei fondi indiretti, che passano per le Regioni o altre Istituzioni (es. MIUR), per i fondi diretti (cioè quelli che non passano per le regioni) l’Europa ha stanziato una somma che si aggira intorno ai 325 miliardi. Questi fondi sono un’opportunità diretta per i comuni i quali, in partenariato con altre Istituzioni, possono partecipare alle diverse CALL. (un esempio è il Programma HORIZON 2020 le cui CALL già sono aperte).  Bisogna creare una cultura ed una dimensione sovra comunale. Per accedere a questi fondi però i comuni devono qualificarsi, devono fare un passo in avanti.  E qui scatta la necessità di accelerare sull’ufficio dedicato ai fondi europei e le opportunità da essi offerti. Attrezzare gli uffici anche in partenariato con altri comuni è di vitale importanza.

La sintesi è questa: SE SI DEVE INTERVENIRE, IL MOMENTO E’ QUESTO!!!

 

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo-Rec

CoR – Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo

Share

I giovani di Pozzuoli e l’Europa. Il trait d’union si chiama Eurodesk

Share

Eurodesk è la struttura del programma comunitario Gioventù in Azione dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa. Pozzuoli non poteva restarne fuori

Eurodesk è una rete europea che si sviluppa attraverso sportelli ed è attiva già in 30 paesi. Eurodesk opera con il supporto della Commissione Europea e del Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri. Eurodesk è nata con lo scopo di diffondere informazioni e fornire orientamento sui programmi che l’Unione Europea promuove in favore dei giovani.

Aprire uno sportello informativo Eurodesk nella propria città è una grande opportunità per gli enti pubblici e le associazioni offerta dall’UE.

Eurodesk si integra perfettamente in una visione ampia di Smart City e una sua declinazione Web e Social sono imprescindibili per una amministrazione moderna ed efficiente.

Eurodesk non esiste a Pozzuoli…

E allora spazio alla libera iniziativa. Ho presentato, a nome dell’Amministrazione, la richiesta di adesione a Bruxelles che ha accettato a stretto giro facendo partire così un progetto nuovo per Pozzuoli.

A mio avviso questa è un’iniziativa che si sposa benissimo con il polo culturale da poco aperto nella biblioteca, polo culturale che verrebbe riempito ulteriormente di contenuti e che diverrebbe un ‘polo’ d’attrazione importante per la Città.

Va anche detto che questa operazione integrata in un sito Web del Comune di Pozzuoli, nuovo, a norma e costruito secondo i parametri che le moderne amministrazioni richiedono, sarebbe d’esempio per tutta l’area flegrea.

L’Italia, e in particolare il Mezzogiorno, nel periodo 2014-2020 è chiamata ad attuare una programmazione europea più efficace e convincente affinché sfrutti le risorse finanziare messe a disposizione dall’Europa. Per far ciò ci vuole più impegno da parte di tutti a partire dagli enti pubblici (Comuni, Province e Regioni) fino al singolo cittadino.

Informazione e programmazione, ecco le parole d’ordine che devono primeggiare. Proprio in questo contesto si inserisce Eurodesk, cioé la struttura del programma “Gioventù in Azione” dedicata all’informazione e all’orientamento sui programmi in favore dei giovani promossi dall’Unione Europea e dal Consiglio d’Europa.

Siamo dunque di fronte ad una opportunità che Pozzuoli non si può permettere di perdere. Ora i tempi sono strettissimi e l’aiuto degli ottimi dirigenti è fondamentale affinché si metta in moto la macchina amministrativa, tra poco i giovani puteolani potranno dire: “Europa ci siamo“.

 

Grazie ad Elisabetta Froncillo (da Il Mattino del 03/01/2014)

Ulteriori informazioni su Eurodesk le trovate cliccando QUI
Se volete informarvi sulle opportunità offerte dall’Europa consultate il sito Web dell’Associazione Europa2020

Share