Tag Archives: Vincenzo Figliolia

Commissioni consiliari permanenti. I soldi dei cittadini vanno ai cittadini. Chi fa finta di niente stavolta?

Share

Abbracciare una causa significa molto più che parlarne e basta. Abbracciare una causa significa impegnarcisi sempre, anche quando questa non è sotto la luce dei riflettori. Impegnarsi per la propria città non significa farsi sentire solo quando se ne presenta l’opportunità per godersi quel quarto d’ora di visibilità. Impegnarsi per la propria città significa ben altro.

Chi non è in malafede ricorda bene le mie proposte ed in particolare quella datata 23 febbraio 2013 relativa alla volontaria riorganizzazione del funzionamento del Consiglio Comunale e delle Commissioni Consiliari Permanenti. Proposta indirizzata ai Presidenti della 1a, 2a, 3a, 4a, 5a e 6a Commissioni Consiliari Permanenti e indirizzata al Signor Sindaco Vincenzo Figliolia e al Presidente del Consiglio Comunale Russo. Proposta chiara e netta nei confronti dei costi eccessivi delle commissioni consiliari.

Io, come consigliere comunale, sono anni che sto conducendo questa battaglia e non me ne sono mai riempito la bocca senza fare nulla di pratico. Ho condotto questa battaglia in tutte le sedi necessarie, e mi chiedo quindi – alla luce di questo improvviso interesse sulla questione da parte di colleghi, (ex) compagni di lista, giornalisti ed altri – tutti questi “difensori della cosa pubblica” dov’erano finora. Dov’erano quando sollecitavo tale proposta?

Commissioni Consiliari Permanenti a Pozzuoli. I soldi dei cittadini vanno ai cittadini

Commissioni Consiliari Permanenti a Pozzuoli. I soldi dei cittadini vanno ai cittadini

E a cosa pensavano quando, forse ingenuamente e contando sul desiderio di tutti di volere il bene della nostra Città, mi appellavo a TUTTI i colleghi consiglieri (compresi quelli a cui fa riferimento l’articolo di Pontillo) e di nuovo al Sindaco Figliolia e di nuovo al Presidente Russo?

Commissioni Consiliari Permanenti a Pozzuoli. I soldi dei cittadini vanno ai cittadini. Ma i colleghi consiglieri, il Presidente Russo e il Sindaco Figliolia non hanno mai fatto nulla in merito.

Commissioni Consiliari Permanenti a Pozzuoli. I soldi dei cittadini vanno ai cittadini. Ma i colleghi consiglieri, il Presidente Russo e il Sindaco Figliolia non hanno mai fatto nulla in merito.

Pontillo dice bene quando riferisce il modo in cui son stato trattato da colleghi consiglieri, del mio partito e non.

Mi chiedo come mai ora, improvvisamente, tutti si stiano ergendo a difensori della moralità e del risparmio nella pubblica amministrazione dopo che le televisioni nazionali hanno mostrato l’indecente comportamento di consiglieri “impegnati” in commissioni consiliari di altri comuni del nostro Paese. Commissioni che, spesso per cattiva organizzazione come accade da noi, costano molto più di quello che realmente producono.

Ma dove eravate quando Quarto Canale Flegreo mandava in onda questa intervista?

E allora tutti sulla breccia, senza fare nulla di realmente utile e senza riconoscere il merito a chi, come me, questa battaglia la conduce già da tempo.

Con questo non voglio dire che la battaglia per la riduzione dei costi della politica puteolana deve portare la firma di “Nicola Della Corte”. Voglio dire esattamente l’opposto: questa battaglia deve portare un solo nome, e questo nome è Pozzuoli!

Non ci si deve impossessare di questa battaglia, e ritengo che men che mai se ne possano impossessare persone che hanno ripetutamente letto e ignorato le mie lettere, comunicazioni e sollecitazioni sull’argomento, comodamente adagiate nel proprio status quo, e che ora – in una improvvisa bramosia mediatica di attenzioni – improvvisamente si ergono a paladini di questa battaglia. Finti politici con brame di notorietà che pensano solo alla loro visibilità ma che non hanno mosso un dito quando io mi sono speso per il bene comune.

Credo che invece, senza usare termini forti, dovrebbero semplicemente vergognarsi di un simile opportunismo. Mi auguro solo che il loro impegno prosegua anche dopo che l’attenzione mediatica sarà scemata. Staremo a vedere di cosa sono capaci.

E ora credo sia il caso che OGNUNO dei nomi citati dicesse la sua pubblicamente. Che dicano ai puteolani, senza parlare politichese, perché non mi hanno risposto, perché hanno fatto finta di non saper leggere.

Chi si gira dall’altra parte questa volta?
C’è qualche cittadino che vuole essere il primo a dire la sua?

 

Share

Pozzuoli e i Fondi Europei. Nella nuova programmazione 2014-2020 le opportunità di sviluppo per il nostro territorio

Share

Nei prossimi 10 anni l’Europa ha intenzione di raggiungere obiettivi importanti per lo sviluppo dei territori. Saranno a disposizione fondi europei che saranno un’opportunità vitale, in questi tempi di crisi, per i comuni italiani.

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo

CoR Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo

Come ho già avuto modo di scrivere, nella nuova programmazione 2014-2020 ci sono ben 325 miliardi di fondi strutturali messi a disposizione dei 28 paesi dell’UE. In particolare l’Italia si ritroverà a gestire 32.2 miliardi di euro in questo settennato e a questa cifra andrà a sommarsi una quota di cofinanziamento nazionale di 24 miliardi.

Dove si colloca Pozzuoli? In quale quadro si posiziona la questione della città metropolitana? Come intercettare i fondi europei? Quali strategie e strumenti adottare nei prossimi anni? A questi ed altri interrogativi sono state dedicate due giornate di intenso lavoro. Sessioni di lavoro dunque per capire come sfruttare al meglio le risorse messe a disposizione dell’Unione. Fondi che sono stati troppo spesso spesi male o addirittura sono andati perduti per una cattiva gestione e programmazione.

Delegato dal nostro sindaco Figliolia, ho partecipato ai lavori insieme ai sindaci

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo-Ufficio-Centrale

CoR – Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo – Ufficio Centrale

Porcelli (Mugnano), Carpentieri (Melito), De Luca (Qualiano), Fiengo (Cercola), Capasso (San Sebastiano al Vesuvio), Guadagno (Volla), Zeno (Massa di Somma) ed insieme agli amministratori di Villaricca, Molino e Granata, di Agerola con Milo e Naclerio, di Poggiomarino con Troiano e l’assessore Liberti di Ercolano.

Nei due giorni trascorsi a Bruxelles al Parlamento Europeo abbiamo approfondito le nuove opportunità offerte dalle politiche comunitarie in vista della programmazione 2020. Abbiamo incontrato personaggi del calibro del capo di gabinetto del commissario agli affari regionali De Michelis. E abbiamo potuto poi anche assistere all’audizione del commissario all’ambiente Janez Potočnik.

Mario Battello, direttore del Tecla ha illustrato gli strumenti della politica di coesione mentre Ginevra del Vecchio del Comitato delle Regioni ha ribadito l’importanza dei ruolo degli enti locali e delle regioni. È stato molto chiaro che le opportunità di finanziamento che nasceranno sono identificate soprattutto nei settori di energia e ambiente.

Dai lavori è emerso un dato importante per Pozzuoli e che rende merito al sindaco Figliolia. I comuni che hanno beneficiato di Più Europa hanno una marcia in più in questo percorso che è stato tracciato con le parole “sensibilità all’Europa” e “buone pratiche”.

Ci siamo poi spostati al Comitato delle Regioni dove abbiamo incontrato il capo di gabinetto del Commissario per gli Affari Regionali De Michelis. Nel dibattito avutosi nella plenaria sono emerse le difficoltà che i comuni meridionali hanno nell’utilizzare i fondi dell’UE. Noi tutti, sindaci, amministratori e consiglieri abbiamo elencato ed analizzato problemi ed esigenze e De Michelis ha espresso la propria soddisfazione per aver incontrato dei politici meridionali disposti a voler invertire la rotta sulle politiche comunitarie.

Plenaria-Commissione-CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo

Plenaria Commissione CoR Comitato delle Regioni -Bruxelles – Parlamento Europeo

Lavori impegnativi ma allo stesso tempo entusiasmanti perché mi hanno dato la possibilità di avere una visione del futuro di Pozzuoli in particolare e della nostra Provincia in generale. Ma il lavoro non è terminato lasciando Bruxelles in quanto tutti noi ci siamo lasciato con due impegni primari:

1) di preparare un documento (una lettera aperta) firmato dai sindaci del PD, di concerto con l’ANCI, ed indirizzato al Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, con il quale chiediamo, sollecitiamo e lo invitiamo a concertare con i Comuni le azioni e gli interventi primari da porre in essere in vista della programmazione 2014 – 2020 in aderenza anche alle linee guida che la UE si è data in termini di premialità degli interventi diretti sui Comuni (semmai anche associati);

2) di chiedere che il costo del personale riferito alla figura dell’euro progettista, sia scorporata dai vincoli di bilancio ai quali siamo soggetti.

Personalmente aggiungerei anche la proposta di predisporre una sorta di protocollo d’intesa con Università, scuole di formazione e master che programmino periodi di stage presso i Comuni o presso un unico ufficio dedicato ai fondi europei (anche trans comunale, anche per spalmare il costo tra diversi fruitori).

Come detto in precedenza Pozzuoli, si trova in una posizione di vantaggio, o meglio, si può trovare in una situazione di vantaggio, lì dove, avendo beneficiato dei fondi per i progetti Più Europa, li usiamo bene e completiamo i lavori entro i tempi concordati con l’Europa. Dobbiamo quindi fare bene il Più Europa per avere un Rating migliore. L’Europa finanzia non solo buoni progetti ma, anche affidabili interlocutori.

A dispetto dei fondi indiretti, che passano per le Regioni o altre Istituzioni (es. MIUR), per i fondi diretti (cioè quelli che non passano per le regioni) l’Europa ha stanziato una somma che si aggira intorno ai 325 miliardi. Questi fondi sono un’opportunità diretta per i comuni i quali, in partenariato con altre Istituzioni, possono partecipare alle diverse CALL. (un esempio è il Programma HORIZON 2020 le cui CALL già sono aperte).  Bisogna creare una cultura ed una dimensione sovra comunale. Per accedere a questi fondi però i comuni devono qualificarsi, devono fare un passo in avanti.  E qui scatta la necessità di accelerare sull’ufficio dedicato ai fondi europei e le opportunità da essi offerti. Attrezzare gli uffici anche in partenariato con altri comuni è di vitale importanza.

La sintesi è questa: SE SI DEVE INTERVENIRE, IL MOMENTO E’ QUESTO!!!

 

CoR-Comitato-delle-Regioni-Bruxelles-Parlamento-Europeo-Rec

CoR – Comitato delle Regioni – Bruxelles – Parlamento Europeo

Share